Per quest’anno non cambiare

Una cartolina di Lucrezia Di Carne

Per quest'anno non cambiare

«Ho trascorso due mesi in Libia, eravamo fantasmi – ha raccontato una donna della Guinea -. Dovevamo nasconderci tutto il tempo. Siamo finiti in prigione diverse volte. Un uomo del gruppo con cui ero partita dalla Guinea è stato venduto per 700 dollari. Una volta un rappresentante ufficiale della Guinea è venuto nella nostra prigione per visitarla e portare delle persone all’aeroporto per rimandarle nel loro Paese. La mia amica temeva fosse un inganno e che ci avrebbero preso per torturarci, così ci siamo nascoste. Pochi giorni dopo è stata violentata e picchiata. È morta».

Fonte: Meridionews