Cartoline dalle Alpi

La storia di Amir e dei migranti che attraversano le Alpi

Sei cartoline per raccontare la traversata verso il confine.
Una campagna crowdfunding per donare 100 scarponi a chi rischia la vita, sognandone una migliore.

Leggi la Storia Dona un paio di scarponi

50.000 passi per Amir

Ogni anno circa 5.000 persone, soprattutto ragazzi tra i 18 e i 25 anni, ma anche uomini donne e bambini, partono dal Piemonte, a piedi e percorrono decine di chilometri per attraversare il confine con la Francia. Marciano su sentieri non battuti, per evitare i controlli e i blocchi delle forze dell’ordine. Senza scarpe adatte, senza guide e soprattutto senza un’alternativa. La loro storia è la storia di Amir. I loro passi, sono i suoi 50.000 passi tra Bardonecchia e Briançon. Le sue parole sono ora un racconto epistolare, in 6 puntate e 6 cartoline d’autore e i destinatari, siamo noi.

cartoline-dalle-alpi-0

Mi chiamo Amir. Sono originario del Niger. Da due anni vivo in Italia e da tre giorni sono bloccato in una stanza fatta di materassi al confine con la Francia. Il telefono segna le otto ma fuori è già buio. Anche qui dentro la luce è fioca, è fredda: è la cosa che più mi […]

Una cartolina illustrata da

cartoline-dalle-alpi-5000

Alle nove di sera a Bardonecchia ci sono dieci gradi sottozero. Ogni respiro produce dense nuvole umide. È troppo buio per vederle, ma il freddo del buio se ne frega, e ti entra in bocca come una lama. Camminiamo da un’ora. Il cellulare dice che abbiamo percorso due chilometri. Mi avevano informato dei rischi. Il […]

Una cartolina illustrata da

cartoline-dalle-alpi-15000

«Ti piace il calcio?» una domanda qualunque, per rompere il silenzio. Da circa un’ora gli stessi unici tre rumori: la neve friabile sotto le scarpe; il respiro affaticato; il tac metallico di una fibbia dello zaino. «Che domande, certo che mi piace il calcio». Fa una pausa, solenne, una scusa per fermarsi e prendere fiato, […]

Una cartolina illustrata da

cartoline-dalle-alpi-40000

A guardare la mappa sembra uno scherzo: una lingua di terra che divide due paesi. Ora sei di qua, ora sei di là. Di qua mi chiamano “migrante”, di là divento un “migrateur”. Malik cammina davanti a me e io metto i piedi sulle sue impronte in modo da non affondare troppo nella neve. Le […]

Una cartolina illustrata da

Continua a scoprire la storia di Amir

Torna a trovarci tra una settimana per scoprire una nuova tappa del viaggio di Amir, seguici sulla nostra Pagina Facebook, su Instagram e su Twitter.

IL CROWDFUNDING

Come Amir, chi attraversa le Alpi in direzione del confine con la Francia, spesso non è equipaggiato e deve affrontare a piedi pareti ripide, nevai e pietraie. Vogliamo raccogliere circa 2000 Euro per acquistare 100 paia di scarponi da montagna da consegnare a diverse associazioni non-profit che li distribuiranno alle persone in attesa di partire.

La campagna di crowdfunding è ospitata dalla piattaforma Produzioni dal Basso. Dona ora e aiutaci ad arrivare a 100 paia di scarponi. Anche una piccola somma può rappresentare un grande aiuto per chi si trova a dover passare il confine, di notte, al freddo e in condizioni estreme.

Dona ora

La Campagna e Gli Autori

Cartoline dalle Alpi – 50 mila passi per Amir è un progetto dei Creative Fighters di Solo in Cartolina, degli studenti del College Digital I della Scuola Holden di Torino (Ginevra Boneschi, Biancasilvia Carro, Irene Francalanci, Veronica Furfaro, Francesco Leone, Mariavittoria Salucci, Viola Ugazio, Giuditta Zilletti) e del Collettivo Polpa Ink, che hanno ideato il format, svolto ricerca sul campo, curato i contenuti testuali e video della campagna.

Le sei cartoline sono realizzate da artisti, illustratori e designer noti sulla scena nazionale: Nicolò Canova, Ilaria Urbinati, Roby Il Pettirosso, Momusso, Manuele Altieri, Flavia Trifiletti.

L’obiettivo della campagna è denunciare ciò che sta accadendo sul confine e sensibilizzare chi ancora non conosce o ignora le storie delle persone che sono costrette a rischiare la propria vita per evitare i controlli delle forze dell’ordine e poter raggiungere le proprie famiglie in Francia o altri paesi europei e cercare lavoro dove vi sono più possibilità.